Possibile che i monaci non avessero bisogno dell’intervallo?

Venerdì 13 aprile, ore 10.35, suona la campanella dell’intervallo. 

Gli alunni si riversano nel corridoio tra urla di gioia e merendine. 

Non proprio tutti, manca qualcuno… la porta della classe prima è sigillata. Non si sente il minimo rumore, cosa starà capitando? Staranno finendo una verifica, penso. Passano 5 minuti e ancora nulla (c’è qualcosa che non va: nemmeno una verifica ha la forza di far saltare un intero intervallo), mi avvicino all’aula, con un po’ di timore busso e mi affaccio: stanno lavorando, impugnano dei pennellini e hanno una vaschettina con dei colori appoggiata sul tavolo di lavoro; sono intenti, appassionati al lavoro che stanno svolgendo: stanno miniando delle lettere.  

Sembra di fare una salto nel tempo ed entrare in un monastero medievale, quanta cura e precisione per la realizzazione di una miniatura. Il lavoro è iniziato da più di un’ora ma sembra che nessuno si sia accorto dello scorrere del tempo e quindi l’intervallo se ne va. Dopo l’asciugatura è il momento degli ultimi ritocchi, di ripassare col pennarellino i contorni e di ritagliare la propria opera d’arte. 

Ma i monaci si dedicavano alla copiatura di interi libri e i mezzi a loro disposizione erano quello che erano e così dalla borsa di Paola emergono delle penne “Sono di gallina perché non ho trovato nessuno che fosse disposto ad ammazzare un’oca in questa stagione, ce n’è una per ognuno di voi!”. Calamaio e inchiostro sono pronti sui banchi, i “monaci amanuensi” di classe prima si cimentano con le penne e poi con vari pennini nella scrittura. 

Tra una lettera e l’altra una scoperta si fa largo: “Che fatica i monaci! È possibile impiegare più di un’ora per riempire di colore una sola lettera su un fogliettino di 10×10 cm?  È possibile intingere 3 volte la penna per scrivere una sola lettera del mio nome?  Sì, è possibile, sta anche venendo bene e mi sto divertendo… quanta cura bisognava prestare anche per un piccolo lavoro!”. 

Che fine hanno fatto le miniature? Alcune le potete vedere nelle foto, ma quale è il loro scopo!?… Beh, quello ve lo spiegherò nelle prossime news. 

 

180413 Laboratorio Miniature (4)
180413 Laboratorio Miniature (4) 180413 Laboratorio Miniature (2) 180413 Laboratorio Miniature (12) 180413 Laboratorio Miniature (5) 180413 Laboratorio Miniature (23) 180413 Laboratorio Miniature (6) 180413 Laboratorio Miniature (24) 180413 Laboratorio Miniature (7) 180413 Laboratorio Miniature (21) 180413 Laboratorio Miniature (8) 180413 Laboratorio Miniature (25) 180413 Laboratorio Miniature (9) 180413 Laboratorio Miniature (3) 180413 Laboratorio Miniature (10) 180413 Laboratorio Miniature (15) 180413 Laboratorio Miniature (11) 180413 Laboratorio Miniature (26) 180413 Laboratorio Miniature (13) 180413 Laboratorio Miniature (14) 180413 Laboratorio Miniature (17) 180413 Laboratorio Miniature (16) 180413 Laboratorio Miniature (20) 180413 Laboratorio Miniature (18) 180413 Laboratorio Miniature (22) 180413 Laboratorio Miniature (19)